La filosofia del Centro Raid Avventura

Partecipando alle attività proposte dal Centro Raid Avventura, sia individuali che di gruppo, gli allievi incrementano la fiducia in loro stessi e negli altri, sentono stimolato il bisogno di gestire le proprie emozioni e il proprio corpo, anche se non preparato, si allenano a mantenere la mente lucida per risolvere problemi, utilizzando al meglio le risorse disponibili.

Imparare a vivere le difficoltà in gruppo stimola gli allievi ad impegnarsi per affrontare le prove, a spostare i propri limiti oltre il consueto, mettendo in evidenza energie e risorse fino a quel momento sconosciute.

Le difficoltà che caratterizzano le varie prove generano situazioni che portano le persone a fare delle scelte, di cui saranno responsabili per se e per il gruppo in cui operano.

Perché un'esperienza al Centro Raid Avventura?

Il Centro Raid Avventura ha come obiettivo quello di responsabilizzare gli allievi e di stimolarli attraverso le attività motorie, dando loro un obiettivo da perseguire con un lavoro di gruppo.

In tal modo la fantasia viene stimolata e incanalata in percorsi di apprendimento.

Molti, inoltre, sono gli aspetti positivi che scaturiscono con questo tipo di esperienza:

  • la conoscenza di nuove realtà per migliorare i rapporti interpersonali
  • la gestione dei rapporti con le persone dell’altro sesso
  • lo stimolo alla comunicazione e al dialogo
  • il sostegno morale e psicologico a vantaggio dei più deboli
  • il rispetto per l’ambiente e la natura.

Lo scopo prevalente di tale attività è quello di imparare cose importanti: per esempio, essere tolleranti con le frustrazioni, gestire il rapporto con gli altri e con l’ambiente per una migliore crescita personale, anche dal punto di vista motorio.

Gli allievi, che si configurano come soggetti non passivi ma attivi, attraverso le esperienze che verranno a determinarsi, avranno modo di trovare, da soli o nella cooperazione, la soluzione alle varie difficoltà per studiare una rotta, costruire un riparo, scoccare una freccia, cucinare del cibo sulla brace, condurre una canoa, dormire nel bosco, e cosi via.

Le prove da superare assumono una notevole importanza in relazione non tanto al tempo che occorre per risolverle, quanto piuttosto alla capacità di agire con sicurezza, alla padronanza dei gesti, alla capacità di resistere allo stress e alla fatica e alla capacità di essere collaborativi.

Pertanto, risulta determinante il ruolo dell’emotività e della socialità combinate con gli aspetti cognitivi. Ciò vale, soprattutto, quando nel corso dell’attività gli allievi dovranno prendere in considerazione l’opinione degli altri per individuare modalità di esecuzione alternative da confrontare e valutare, in un momento di scambio reciproco nel quale tutti potranno sentirsi parte attiva (rapporto tra attività motoria e processo educativo).